Naan: la ricetta del pane indiano

Naan: la ricetta del pane indiano

Facile 30min Per 4 persone

ingredienti

  • Farina 00 250g • 750 kcal
  • Sale un pizzico • 750 kcal
  • Yogurt bianco 125g • 36 kcal
  • Zucchero un pizzico • 750 kcal
  • Olio di semi 10g • 750 kcal
  • Lievito di birra fresco 1/2 bustina
  • Acqua tiepida 60g

Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il naan è un pane lievitato a base di yogurt tipico della cucina indiana, simile nell’aspetto al pane arabo, utilizzato come companatico per accompagnare secondi piatti ricchi di condimento come zuppe o curry di carne e pesce. Il Naan, che nella cultura indiana sostituisce le posate ed è usato per raccogliere gli ingredienti dal piatto, viene tradizionalmente cotto nel tandoor, un tipico forno in argilla, ma è possibile prepararlo anche in casa utilizzando una semplice padella antiaderente. Vediamo passo passo come preparare un gustoso e profumato Naan da accopagnare ai vostri piatti più sfiziosi!

Come preparare il Naan

Versate la farina in una ciotola (1), unite il lievito di birra (2), lo yogurt (3) e l’olio di semi.

Lavorate leggermente gli ingredienti con un mestolo e aggiungete il sale e parte dell’acqua tiepida (4). Continuate a lavorare con le mani aggiungendo man mano l’acqua restante e trasferite l’impasto su un piano da lavoro (5). Formate un composto liscio e omogeneo con le mani per circa 10 minuti (6).

Coprite con un canovaccio e lasciate riposare per 1 ora. Trascorso questo tempo riprendete l’impasto e dividetelo in 4 panetti aiutandovi con un matterello (7) e un po’ di farina per non far attaccare l’impasto. Formate dei dischi sottili di pasta facendo attenzione a che non si facciano dei buchi (8). Prendete una padella antiaderente, scaldate un filo di olio e cuocete i vostri naan per un paio di minuti per lato(9). Gustate i naan ancora caldi.

Varianti

In alternativa allo zucchero potete utilizzare un bicchierino di miele da unire al vostro impasto.

Consigli

Condite il vostro Naan con una emulsione di olio, aglio tritato finemente e prezzemolo.

Per evitare che si formino delle bolle di aria in cottura, pigiate leggermente con le dita i panetti dopo averli messi in padella.

Fonte: Naan: la ricetta del pane indiano

Cena al Lambrusco: le cinque ricette da abbinare

Cena al Lambrusco: le cinque ricette da abbinare

Per realizzare una cena perfetta con gli amici o la famiglia basta davvero poco: un po’ di fantasia, ingredienti di qualità e la giusta atmosfera, rilassata e frizzante allo stesso tempo. Come? Mettendo in tavola una buona bottiglia di Lambrusco 1950 Riunite Amabile, il vino della convivialità per eccellenza, leggero e versatile, che renderà la vostra serata briosa e indimenticabile. Ecco, di seguito, cinque ricette gourmet, facili da preparare, che potrete abbinare a questo vino per lasciare senza parole i vostri ospiti, anche chi ha gusti più difficili da accontentare.

Vellutata di zucca e topinambur con scaglie di mandorle

Può essere un antipasto o un piatto unico. Ciò che è certo è che la vellutata di zucca e topinambur con scaglie di mandorle è una ricetta gourmet leggera, nutriente e gustosa, ideale soprattutto nei mesi autunnali e invernali. Prendete 600 grammi di zucca e tagliatela a pezzi. Fate lo stesso con 600 grammi di topinambur e 3 patate. Disponete tutto in una pirofila e cuocete in forno a 180 gradi per circa 40 minuti con un filo d’olio e mezzo bicchiere di brodo vegetale. Una volta cotte le verdure, aggiungete abbondante formaggio grattugiato e frullate tutto per ottenere una crema. Impiattate e servite guarnendo la vellutata con prezzemolo fresco e scaglie di mandorle tostate.

Gnocchetti di patate con ragù d’agnello e crema di bufala

Un buon primo piatto gourmet da abbinare al Lambrusco 1950 Riunite Amabile sono gli gnocchetti di patate con ragù d’agnello e crema di bufala. Dopo aver realizzato la pasta degli gnocchetti secondo la ricetta tradizionale, dovete preparare il sugo con almeno 350 di polpa d’agnello tagliata a pezzetti, da far cuocere a fuoco lento in padella per almeno 15 minuti, sfumando di tanto in tanto con un po’ di vino. A questo punto, aggiungete 800 grammi di polpa di pomodoro passata, salate e fate cucinare per altri 30 minuti. Intanto, cuocete gli gnocchi e, una volta pronti, conditeli con il sugo di carne d’agnello, mantecando con due cucchiai di pecorino e due di parmigiano grattugiati. Servite, infine, gli gnocchi su un letto di crema di bufala sul fondo: per prepararla, basta frullare la mozzarella tagliata a pezzi con del latte e del timo fino ad ottenere una crema omogenea. Sarà una goduria non solo per il palato ma anche per la vista dei vostri ospiti.

Risotto al Lambrusco e porcini con prosciutto croccante

Un’altra idea gustosa per la vostra cena frizzante è un assaggio di risotto al Lambrusco e porcini, da accompagnare con prosciutto croccante. Fate rosolare i funghi in un tegame insieme a un filo d’olio extra vergine d’oliva e a un po’ di cipolla, quindi aggiungeteci il riso e mescolate ripetutamente. A questo punto, versate il Lambrusco, che non è necessario far evaporare perché deve rimanere parte integrante del piatto. Lasciate cuocere fin quando la cottura non sarà quasi al dente. Potete servire all’interno di una cialda di parmigiano, realizzata precedentemente, e accompagnate il tutto con delle fette di prosciutto, che potete rendere croccanti lasciandole per un minuto in padella. Il successo è assicurato.

Arrosto in salsa di noci con zucchine alla menta

Anche il più tradizionale arrosto, se accompagnato da una gustosa salsa alle noci, può diventare un piatto prelibato e apprezzatissimo. Si tratta di una secondo profumato e invitante. Preparate l’arrosto secondo la ricetta tradizionale, utilizzando carne di manzo di qualità. Intanto, create la vostra salsa: unite le noci tritate e due cucchiai di latte al fondo di cottura dell’arrosto in un tegame a parte. Lasciate addensare per due minuti a fuoco vivo e mescolate. Una volta pronta la salsa, spalmatela sulla carne tagliata a fette e servite accompagnando il tutto con un contorno di zucchine alla menta, dal sapore fresco e leggero.

Filetto al tartufo nero

Infine, un altro secondo piatto di alta qualità, che di certo sarà apprezzato dai vostri ospiti e che ben si abbina con il carattere frizzante e deciso del Lambrusco 1950 Riunite Amabile. Legate quattro medaglioni di filetto di manzo con dello spago da cucina e rosolateli in padella con una noce di burro chiarificato su entrambi i lati. Lasciate riposare. Intanto, nella stessa padella in cui è stata cotta la carne, fate tostare dell’amido di mais, bagnatelo con un bicchiere di Lambrusco e unite il tartufo nero a fette, nella quantità che credete più opportuna. Sfumate con un mestolo di brodo e, dopo averlo lasciato ridurre per qualche minuto, mantecatelo con un po’ di burro. Infine, aggiungete in padella i filetti di manzo, fate insaporire per un minuto e servite il piatto ben caldo. Si consiglia di accompagnare con un contorno a base di cavolo nero caramellato.

Fonte: Cena al Lambrusco: le cinque ricette da abbinare

Tonno con cipolle in agrodolce: la ricetta del secondo piatto siciliano

Tonno con cipolle in agrodolce: la ricetta del secondo piatto siciliano

Facile 20min Per 4 persone

ingredienti

  • Tranci di tonno 4
  • Cipolle rosse di Tropea 4
  • Zucchero 30g • 750 kcal
  • Aceto 120g • 4 kcal
  • Sale q.b. • 750 kcal
  • Farina q.b.

Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il tonno con cipolle in agrodolce è una ricetta tipica della tradizione culinaria siciliana, conosciuta come tunnina ca cipudda, ed è un piatto povero con pochi ingredienti ma ricco di sapore e profumo, ottimo anche da servire freddo. Assicuratevi che il tonno sia fresco così che possa essere solo leggermente scottato, preparate le cipolle in agrodolce e accompagnate il piatto ad un calice di vino bianco fresco.

Come preparare il tonno con cipolle in agrodolce

Pulite le cipolle e tagliatele a rondelle (1). In una padella scaldate un filo di olio Evo, aggiungete le cipolle tagliate e lasciatele dorare per circa 5 minuti (2). Unite lo zucchero, l’aceto e un pizzico di sale. Mescolate gli ingredienti e fate cuocere a fiamma dolce per 10 minuti fino a che le cipolle non si saranno appassite e caramellate al punto giusto (3).

Preparate il tonno: prendete i tranci, tamponateli con un foglio di carta da cucina e infarinateli su entrambi i lati in modo uniforme (4). In una padella antiaderente scaldate un filo di olio e, quando sarà caldo, cuocete i tranci di tonno (5). Scottate un minuto per ogni lato che basterà per ottenere un tonno ben cotto all’esterno e poco cotto all’interno (6). Servite subito i vostri tranci su un letto di cipolle caramellate.

Consigli

Per questa ricetta vi consiglio di utilizzare delle cipolle rosse di Tropea: facili da trovare e perfette per questa preparazione per il loro gusto dolce e delicato. Questa particolare varietà di cipolla è ricca di sapore e molto facile da digerire, buona anche da gustare cruda.

Se siete amanti delle ricette a base di tonno provate questo filetto in crosta di pistacchi o un gustoso e profumato tonno al sesamo.

Fonte: Tonno con cipolle in agrodolce: la ricetta del secondo piatto siciliano

Frittelle di banane: la ricetta dei dolcetti sfiziosi e profumati

Frittelle di banane: la ricetta dei dolcetti sfiziosi e profumati

Facile 30min Per 4 persone

ingredienti

  • Banane 3
  • Farina 00 180 gr • 79 kcal
  • Zucchero 100 gr • 79 kcal
  • Uova 4 • 750 kcal
  • Lievito per dolci in polvere 1 cucchiaino
  • Olio di semi d’arachide q.b. per friggere • 690 kcal
  • Zucchero a velo q.b. • 79 kcal

Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Le frittelle si possono preparare sia dolci che salate. Le versione dolce delle frittelle era conosciuta già nell’Antica Roma, ed erano chiamate frictilia. Tra le più note e amate ci sono sicuramente le frittelle di mele, che si preparano durante i giorni di festa e in ogni occasione. Nella nostra ricetta prepareremo le frittelle di banane, soffici e golosi dolcetti ideali per il periodo di Carnevale, ma buonissime da gustare come nutriente merenda nei pomeriggi invernali. Le banane mature sono particolarmente adatte a questo tipo di preparazione, perché sono naturalmente dolci e morbide: una volta tagliate a pezzetti, saranno aggiunte all’interno di una pastella realizzata con farina, zucchero, uova e lievito per dolci, fritte in abbondante olio caldo e poi spolverate con zucchero a velo o cannella.

Come preparare le frittelle di banane

In una ciotola lavorate le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Unite ora la farina e il lievito setacciati e amalgamate. Aggiungete le banane tagliate a fettine e continuate a impastare, dino ad ottenere un composto privo di grumi e liscio. Fate scaldare l’olio in una padella capiente e, non appena sarà caldo, prelevate un po’ di impasto con un cucchiaio e friggete le vostre frittele fino a farle dorare da entrambe i lati. Non appena saranno pronte scolatele con una schiumarola, adagiatele su un piatto rivestito con carta da cucina. Lasciatele intiepidire e spolveratele con zucchero a velo o cannella. Le vostre frittelle di banane sono pronte per essere gustate.

Consigli

Per rendere l’impasto più aromatico potete aggiungere la scorza grattugiata di un limone: realizzerete così delle frittelle di banana al limone ancora più gustose.

Se il composto dovesse risultare troppo denso potete aggiungere un po’ di acqua o di latte.

L’olio dovrà essere caldo ma non bollente, altrimenti le frittelle si scuriranno subito.

Varianti

In alternativa potete preparare le frittelle di mele e banane. Tagliate a pezzetti 1 mela e 1 banana e cuocete un paio di minuti in padella con un filo d’olio e 50 gr di zucchero. Non appena saranno ammorbidite sistematele in una ciotola. In un pentolino mettete 120 ml di acqua, 50 gr di burro, sale e altri 5 gr di zucchero. Non appena l’acqua bolle, togliete dal fuoco e versateci dentro 100 gr di farina setacciata e amalgamate fino ad ottenere un composto omogeneo. Non appena l’impasto sarà tiepido aggiungete un uovo e lavorate il tutto con le fruste elettriche, non appena sarà assorbito aggiungete il secondo uovo e poi il terzo. Infine aggiungete la frutta e mescolate. Cuocete le frittelle in padella con l’olio ben caldo e, non appena saranno dorate, scolatele, lasciatele intiepidire e passatele nello zucchero semolato.

Fonte: Frittelle di banane: la ricetta dei dolcetti sfiziosi e profumati

Canederli al formaggio: la ricetta della cucina tipica tirolese dell’Alto Adige

Canederli al formaggio: la ricetta della cucina tipica tirolese dell’Alto Adige

Facile 50min Per 4 persone kcal 280

ingredienti

  • Pane raffermo 250 gr • 79 kcal
  • Formaggio asiago 150 gr • 378 kcal
  • Fontina 100 gr • 470 kcal
  • Latte 250 ml • 21 kcal
  • Uova 3 • 750 kcal
  • Cipolla bianca 1 • 661 kcal
  • Burro 90 gr • 79 kcal
  • Erba cipollina q.b. • 30 kcal
  • Farina 50 gr
  • Parmigiano grattugiato 50 gr • 79 kcal
  • Sale q.b. • 79 kcal
  • pepe q.b.

Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Tra i primi piatti più famosi dell’Alto Adige ci sono i canederli: una pietanza tradizionale tirolese a base di pane raffermo, impastato con latte e uova, a cui è possibile aggiungere altri ingredienti come speck e formaggio. Nella nostra ricetta prepareremo i canederli al formaggioKäse-Knödel realizzati con un impasto di formaggi di montagna, uova, pane raffermo, erba cipollina, latte, burro e cipolla. Una volta preparato l’impasto bisognerà formare degli gnocci, o delle polpette, grandi più o meno come un mandarino, che saranno poi cotti in acqua salata o brodo e conditi con burro fuso e parmigiano. Una pietanza sfiziosa e facile da preparare per deliziare i vostri ospiti.

Come preparare i canederli al formaggio

Sciogliete 40 gr di burro in una padella antiaderente, aggiungete la cipolla tritata e lasciatela appassire. In una ciotola inserite il formaggio e il pane tagliati a dadini, l’erba cipollina e la cipolla rosolata con il burro. In una ciotola a parte lavorate le uova con il latte, versate il composto sul pane, aggiungete sale e pepe e lavorate il tutto con le mani, fino ad ottenere un impasto liscio e non troppo umido. Prelevate dall’impasto delle palline della grandezza di un mandarino: inumiditivi le mani per lavorarle meglio. Passate ora i canederli nella farina e cuoceteli in acqua bollente salata o brodo vegetale a fuoco medio per circa 15-20 minuti. Nel frattempo fondete il resto del burro, scolate i canederli con una schiumarola e serviteli con burro fuso, parmigiano grattugiato ed erba cipollina. I vostri canederli al fromaggio sono pronti per essere serviti.

Consigli

Per realizzare questa ricetta preferite formaggi di montagna, stagionati e saporiti come l’Asiago, la fontina o formaggi d’alpeggio. Non utilizzate invece mozzarella o formaggi a pasta filata perché rilascerebbero troppa acqua in cottura.

Se l’impasto dei canederli al formaggio dovesse risultare troppo duro, potete aggiungere un po’ di latte per ammorbidirlo. Se invece risultasse poco sodo, unite del pangrattato.

Al posto della cipolla potete utilizzare il cipollotto o il porro e sostituire il pane bianco con il pane integrale.

Di solito si servono 2-3 canederli a persona: dipende se decidete di servirli come secondo piatto oppure come piatto unico.

Chi preferisce potrà preparare i canederli alla tirolese, con l’aggiunta di speck tagliato a dadini.

Fonte: Canederli al formaggio: la ricetta della cucina tipica tirolese dell’Alto Adige

8 ricette con le lenticchie: le migliori idee tra tradizione e innovazione

8 ricette con le lenticchie: le migliori idee tra tradizione e innovazione

Le lenticchie sono legumi molto conosciuti e versatili, facili da preparare e protagoniste delle tavole di Natale e Capodanno. Cominciano ad essere coltivate già nel 7000 a.C. in Asia per poi essere diffuse in tutto il bacino del Mediterraneo.

Le lenticchie possono essere cucinate in mille modi e, se amate la tradizione, non potete rinunciare alla zuppa di capodanno con il cotechino. Vi proponiamo, quindi, otto ricette con le lenticchie per festeggiare l’anno nuovo nel migliore dei modi. 

Cotechino con le lenticchie

L’ultimo dell’anno le lenticchie con il cotechino sono protagoniste indiscusse delle nostre tavole. La tradizione vuole che siano di buon auspicio per l’anno che inizia. La loro forma piccola e tonda ricorda infatti delle monetine: mangiarle il 31 dicembre si spera porti ricchezza e buona sorte dal primo gennaio. Cucinarle è molto semplice e va fatto in due tempi: andranno prima bollite per circa 90 minuti e poi fate insaporire in un tegame con un trito ci cipolla, sedano e carote.

Pasta e lenticchie

pasta e lenticchie

Pasta e lenticchie è un primo piatto povero ma molto saporito, ricco di vitamine e proteine di cui le lenticchie sono davvero ricche. Il segreto per farla cremosa è cuocere la pasta, preferibilmente mista, insieme alle lenticchie e alla salsa di pomodoro, per un elemento croccante aggiungete della pancetta leggermente saltata in padella.

Zuppa di lenticchie

La zuppa di lenticchie è un piatto facilissimo da preparare, perfetto in autunno ed inverno quando una zuppa calda è proprio quello che ci vuole per combattere il freddo e fare il carico di vitamine e proteine. Unito ad un cereale o a dei crostini di pane raffermo, questa zuppa è un classico della tradizione contadina che non può mancare sulle nostre tavole!

Zuppa di legumi

La zuppa di legumi è un primo piatto gustoso, leggero e molto salutare. Fagioli, ceci, lenticchie cucinati con un trito di sedano, carote e  cipolla, qualche cucchiaio di salsa di pomodoro e profumate erbe aromatiche, questo piatto è perfetto nelle stagioni fredde. Un piatto caldo, molto nutriente che diventa un ricco piatto unico con l’aggiunta di farro o orzo.

Lenticchie in umido

Le lenticchie in umido sono un piatto facile e nutriente, perfetto nei mesi freddi sia come piatto unico che accompagnate ad un secondo di carne. Pochi ingredienti e qualche trucco rendono questo piatto buono e facile da preparare.

Polpette di lenticchie

polpette di lenticchie pronte

Chi lo ha detto che le polpette sono solo di carne? Avete mai provato questa gustosa variante vegetariana a base di lenticchie? Preparare queste polpette è facilissimo: lenticchie, pane, una patata lessa e tanta voglia di sperimentare! Un perfetto finger food, un antipasto alternativo o uno sfizioso secondo ricco di proteine e molto leggero.

Zuppa di lenticchie turca

Le lenticchie sono famose in tutto il mondo e ogni paese, si sa, ha la sua ricetta tradizionale. Per la zuppa alla turca vengono utilizzate le lenticchie rosse o decorticate, delle patate e tante spezie che donano a questa zuppa profumo e gusto. Gli ingredienti vengono frullati a fine cottura e profumati con del coriandolo.

Hamburger di lenticchie

Gli hamburger di lenticchie sono una variante vegetariana al classico hamburger di carne, facilissimo da preparare. Questo hamburger è un concentrato di proteine e vitamine, un impasto molto semplice da fare, senza uova. Perfetto per una dieta vegana o semplicemente per sperimentare nuove ricette.

Fonte: 8 ricette con le lenticchie: le migliori idee tra tradizione e innovazione

Antipasti veloci: 10 ricette sfiziose per piatti caldi e freddi

Antipasti veloci: 10 ricette sfiziose per piatti caldi e freddi

Anche quando si ha fretta è possibile preparare degli antipasti sfiziosi e gustosi per rendere invitante la vostra tavola. Potete scegliere tra antipasti caldi o freddi, a base di pesce, verdure: involtini, crostini, rotoli, bruschette, ideali per un pranzo, una cena, ma anche per buffet o aperitivi. Ecco 10 antipasti veloci e sfiziosi da cui prendere spunto.

1.Cannoli salati

I cannoli salati sono un antipasto stuzzicante e veloce, ideale per un buffet o per un aperitivo, ma che potete preparare anche per una cena raffinata. Vi basterà preparare la pasta brisè, ma potete utilizzare anche un rotolo di pasta sfoglia mentre, per il ripieno, scegliete gli ingredienti in base ai vostri gusti o alle esigenze: noi abbiamo utilizzato la ricotta, come per il vero cannolo siciliano, con l’aggiunta di olive e pesto. Offrite i vostri cannoli salati su un vassoio con una bella decorazione di granella di pistacchi per stupire i vostri ospiti.

2.Cocktail di gamberi

Il cocktail di gamberi è un antipasto sempre gradito, perfetto non solo per la tavola delle feste, ma da preparare in ogni occasione, anche quando si ha poco tempo . La preparazione della ricetta è davvero semplice: pulite 400 gr di gamberi, cuoceteli in acqua per 5 minuti e teneteli da parte. Preparate poi la salsa cocktail con 2 tuorli, sale, pepe e 10 ml di olio di semi e lavorate il tutto con una frusta elettrica, fino a quando la vostra maionese non avrà raggiunto la giusta consistenza. Aggiungete poi 1 cucchiaio di succo di limone, 2 cucchiai di ketchup, 1 cucchiaino di cognac, 1 cucchiaino di senape e 1 cucchiaino di salsa worcestershire e mescolate bene. Lasciate riposare in frigo, aggiungete poi i gamberi, amalgamateli alla salsa e riponete in frigo per un’ora prima di servire.

3.Rotolo salato

Il rotolo salato è un antipasto freddo davvero saporito e veloce, ideale anche per un buffet o per un aperitivo. Sbattete in una ciotola le uova con zucchero e sale, unite farina e lievito e continuate a mescolare. Infornate per 10 minuti a 180° e poi fate raffreddare. Stendete l’impasto su un piano di lavoro e farcitelo con uno strato di maionese, rucola, prosciutto a fette e sottilette, oppure farcitelo come più vi piace. Arrotolate il tutto, sistemate in frigo per un’ora e tagliate a fette prima di servire.

4.Involtini di asparagi

Gli involtini di asparagi  sono un antipasto velocissimo e gustoso, da preparare anche all’ultimo minuto. Pulite gli asparagi, sciacquateli e fateli sbollentare in una pentola con acqua bollente: cuoceteli lasciandoli però sodi. Su un piano da lavoro adagiate le fette di prosciutto cotto e di formaggio, aggiungete poi gli asparagi, realizzate gli involtini e fermateli con uno stuzzicandenti. Cuocete in forno a 180° per 10 minuti.

5.Rotolo di mozzarella farcito

Il rotolo di mozzarella farcito è un antipasto veloce ed economico da condire con salumi o con verdure. Lasciate scolare la mozzarella in un colino per tutta la notta e tagliatela a fettine. Sistematela su una teglia rivestita con carta forno e cuocete in forno a 180° per 20 minuti. Realizzata ora il condimento: tagliate i pomodorini e la rucola, togliete la mozzarella dal forno e asciugatela, stendetela con un mattarello coprendola con carta forno, farcitela poi con pomodori, rucola e melanzane sott’olio o come più vi piace. Arrotolate e conservate in frigo per un’ora. Infine affettate e servite.

6.Pizzette di patate

Le pizzette di patate sono un antipasto sfizioso e veloce ideale per un pranzo o una cena gustosa e originale: piaceranno tanto anche ai bambini. Prepararle è davvero semplicissimo: lavate le patate a tagliatele in fette spesse, sistematele su una teglia rivestita con carta forno, conditele con olio, sale, pepe e rosmarino e infornate per 20 minuti a 180°. Una volta pronte potete poi farcirle con prosciutto e mozzarella, oppure semplicemente con pomodoro e mozzarella, e cuocerle in forno per 5 minuti a 200°. Avrete così un antipasto caldo davvero saporito, in pochissimo tempo.

7.Cestini di bruschetta

Se volete preparare un antipasto freddo veloce e gustoso, i cestini di bruschetta sono la ricetta ideale: un’alternativa originale alla solita bruschetta. Un’idea scenografica, ideale anche per un buffet: la preparazione è davvero semplice. Vi basterà schiacciare le fette di pancarrè o panbauletto, sistemarle negli stampi per muffin e farle cuocere in forno. Infine andranno farcite, poco prima di servirle, con pomodorini conditi con sale, olio e basilico. Potete preparare questi sfiziosi cestini di pane anche il giorno prima e farcirli al momento.

8.Involtini di salmone

Gli involtini di salmone sono un antipasto delizioso e facilissimo da preparare. In una ciotola sistemate il formaggio cremoso, aggiungete rucola tritata, pepe, sale e olio extravergine d’oliva e mescolate. Sistemate le fette di salmone affumicato su un piano da lavoro, adagiate su ogni fetta il composto cremoso e realizzate degli involtini. Serviteli con un filo d’olio e prezzemolo tritato. Una preparazione velocissima e gustosa, da portare in tavola in pochissimo tempo.

9. Tartine alla salsa di noci

Le tartine alla salsa di noci sono un antipasto veloce e gustoso, perfetto per le festività ma anche per un aperitivo o una cena tra amici. Per prepararle mescolate in una ciotola 100 gr di ricotta, 50 gr di gherigli di noce tritati, 1 cucchiaio di grana grattugiato, sale e pepe. Vi basterà amalgamare bene tutti gli ingredienti per ottenere la vostra mousse di noci. Tagliate le fette di pancarrè della forma che desiderate, eliminando la crosta, e splamateci sopra uno strato spesso di mousse. Adagiateci sopra un gheriglio di noci e uno stuzzicandenti e servite.

10.Involtini di melanzane

Gli involtini di melanzane sono l’antipasto ideale per un pranzo vegetariano veloce e sfizioso, da servire sia caldo che freddo. Tagliate le melanzane a fette lunghe e grigliatele su una piastra bollente. A parte mescolate la ricotta con sale, pepe e basilico tritato, realizzando un composto cremoso. Distribuite la crema di ricotta sulle melanzane e arrotolatele. Sistemate gli involtini in una teglia con carta forno e cuocete a 200° per circa 10 minuti.

Fonte: Antipasti veloci: 10 ricette sfiziose per piatti caldi e freddi

Menu di Capodanno: le ricette per il vostro cenone a base di carne e di pesce

Menu di Capodanno: le ricette per il vostro cenone a base di carne e di pesce

Se avete deciso di festeggiare la fine dell’anno a casa in compagnia di parenti e amici o con una cenetta romantica a due, ecco qualche idea per un menù di Capodanno speciale: dagli antipasti al dolce, le ricette per chi vuole realizzare un menù a base di pesce o di carne, così da soddisfare le diverse esigenze: per chi ama le tradizioni, non può però mancare il cibo portafortuna della mezzanotte, lenticchie e cotechino, un secondo piatto di antiche origini a cui molti non rinunciano per il cenone di Capodanno.

Tartine al salmone

Le tartine al salmone sono un antipasto semplice e sfizioso, una pietanza raffinata, ideale per il cenone di Capodanno, da preparare in poco tempo. Per prepararle private il pancarrè della crosta, tagliatelo in quadratini di circa 4 cm, oppure realizzate dei tondini, e fate tostare in padella per pochi minuti. Spalmate le tartine con il burro, aggiungete i pezzetti di salmone affumicato e decorate con formaggio spalmabile, aiutandovi con una sac à poche e guarnite con erba cipollina o con pepe rosa in grani.

Capesante gratinate

Le capesante gratinate sono un altro antipasto di pesce davvero raffinato e originale per il menù di Capodanno: una ricetta semplice e di sicuro effetto. Sistemate le capesane in una ciotola con acqua fredda e sale per 40 minuti, eliminate il frutto, ripulitelo dalla protezione trasparente e dalla parte nera. Pulite la parte bianca e il mollusco sotto acqua corrente. Lasciatele asciugare e sistematele su una teglia da forno e distribuite sulle capesante la panure realizzata con pangrattato, prezzemolo tritato, sale e pepe e olio evo. Cuocete poi in forno a 200° per 15 minuti, fino a gratinare bene la superficie. Servitele poi ben calde.

Patè di fegato

Il patè di fegato è l’ideale per una tavola delle feste raffinata. Per prepararlo bisognerà cuocere i fegatini di pollo, di vitello o di coniglio in una padella con cipolla tritata, olio e burro, il tutto insaporito con foglie di alloro e marsala o cognac. Una volta cotto il fegato sarà frullato nel mixer con il burro ammorbidito. Una volta pronto il patè sarà versato in uno stampo da plumcake imburrato e foderato con pellicola trasparente e conservato in frigo per 4 ore. Una volta pronto decoratelo a piacere e servitelo a fette.

Spaghetti allo scoglio rossi

Gli spaghetti allo scoglio rossi sono un primo piatto davvero sontuoso, per rendere ricca la vostra tavola di Capodanno: utilizzate pesce fresco di qualità per ottenere una pietanza davvero unica. Per la preparazione preferite vongole, cozze, gamberi e calamari. Pulite gamberi e calamari, tagliate questi ultimi ad anelli e teneteli da parte. Sistemate le vongole in una ciotola con acqua e sale, così da farle spurgare. In una padella cuocete i pelati con un filo d’olio e l’aglio, aggiungete sale, pepe e prezzemolo tritato e mettetelo da parte. Sistemate poi le cozze in una padella con uno spicchio d’aglio e coprite fino a quando non saranno aperte, scolatele e tenetele da parte. Nella stessa padella fate aprire anche le vongole. Filtratene poi il liquido e aggiungetelo al sugo, unite poi gamberi e calamari, cuocete per qualche minuto, unite cozze e vongole e condite i vostri spaghetti.

Lasagne al salmone

Le lasagne al salmone sono la scelta ideale per chi vuole preparare una pietanza al forno, un primo piatto goloso e semplice da realizzare. Scottate il filetto di salmone in padella fino a quando non sarà ben dorato. Scottate anche le sfoglie di pasta. Imburrate una pirofila, cospargete il fondo con della besciamella e ricoprite con uno strato di pasta, un altro di besciamella e poi aggiungete il salmone affumicato e quello fresco scottato in padella tagliato a pezzetti. Continuate con gli strati fino a terminare gli ingredienti. Come ultimo strato mettete la besciamella, il salmone scottato e un velo di pangrattato. Cuocete in forno già caldo a 220° per 25 minuti.

Risotto allo champagne

Il risotto allo champagne è un primo piatto raffinato, ideale per il cenone di San Silvestro, soprattutto se decidete di realizzare una pietanza semplice ma sofisticata allo stesso tempo, ideale da abbinare anche a menù di Capodanno di carne, oltre che di pesce. Per realizzarlo vi basterà rosolare la cipolla tritata in una pentola con il burro, aggiungete poi il riso e fatelo tostare. Versate poi lo champagne mescolando di continuo e aggiugete poi qualche mestolo di brodo, completando così la cottura. Infine mantecate con burro e parmigiano grattugiato e servite con una spolverata di pepe.

Cotechino con lenticchie

Il cotechino con le lenticchie è un secondo piatto che non può mancare nel menù di Capodanno, soprattutto per chi ama la tradizione. Secondo l’usanza, infatti, mangiare una fetta di cotechino con le lenticchie, sarebbe di buon auspicio per il nuovo anno. Le lenticchie, infatti, con la loro forma tonda ricordano le monete, simbolo di ricchezza, mentre il cotechino è un cibo grasso che in passato era considerato simbolo di opulenza. Per la preparazione mettete a bagno le lenticchie per un paio d’ore e, nel frattempo, preparate il cotechino: sistematelo in una pentola coperto con acqua fredda, coprite e lasciate cuocere per 90 minuti. Terminata la cottura estraetelo dalla pentola, eliminate la pelle e tagliatelo a fette. Scolate le lenticchie, sciacquatele e fatele tostare in pentola con il trito di verdure soffritte, coprite poi con del brodo caldo e lasciate cuocere per un’ora. Servite il cotechino tagliato a fette con le lenticchie.

Salmone al forno

Il salmone al forno è un secondo piatto semplice e gustoso, ideale anche per il menù di Capodanno: porterete in tavola una pietanza leggera e raffinata da accompagnare, magari con delle squisite patate al forno. Sciacquate i tranci di salmone, liberateli delle lische e teneteli da parte. Preparate un trito con prezzemolo, aglio, olio evo e succo di limone e lasciate riposare per mezz’ora. Rivestite una teglia con carta forno, versate metà condimento sul fondo e adagiateci sopra le fette di salmone. Conditeli con il resto dell’emulsione e cuocete in forno a 180° per 20 minuti.

Torta pandoro

Per completare il cenone di Capodanno, in attesa della mezzanotte, potete servire una squisita torta pandoro, un dolce veloce e scenografico per sorprendere i vostri ospiti. Vi basterà tagliare il pandoro a fette a stella, inserirle in uno stampo per dolci, così da realizzare la base che farcirete con una crema realizzata con panna, mascarpone, crema di nocciole. Decoratela poi come più vi piace, fatela raffreddare in frigo per almeno 2 ore prima di servirla.

Tronchetto di Natale con crema di castagne

Se per il cenone di Capodanno volete realizzare un dolce classico delle feste, ma con un ripieno originale, il tronchetto di Natale con crema di castagne è la ricetta ideale. Una volta preparata la base con un impasto di farina, uova, zucchero, cacao amaro e lievito per dolci. Una volta pronto il vostro rotolo farcitelo con crema di castagne, panna montata e arrotolate. Ricoprite poi il tronchetto con della ganache al cioccolato, decoratelo e lasciate riposare in frigo per un’ora prima di servire.

Fonte: Menu di Capodanno: le ricette per il vostro cenone a base di carne e di pesce

Parrozzo: la ricetta originale del dolce abruzzese

Parrozzo: la ricetta originale del dolce abruzzese

Facile 20min Per 5 persone kcal 275

ingredienti

  • Per il parrozzo
  • Mandorle 110 gr • 575 kcal
  • Zucchero 70 gr • 79 kcal
  • Burro 90 gr • 79 kcal
  • Uova 4 • 750 kcal
  • Farina 00 35 gr • 79 kcal
  • Semolino 80 gr • 350 kcal
  • Per la copertura
  • Cioccolato fondente 180 gr • 515 kcal

Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il parrozzo è un dolce tradizionale dell’Abruzzo ed è legato alla tradizione gastronomica natalizia di questa regione. Il parrozzo abruzzese è una torta profumata a forma di cupola a base di mandorle e ricoperta da una glassa di cioccolato fondente. Nasce nel 1920 grazie alla creatività di Luigi D’Amico, un pasticcere pescarese, che volle creare un dolce che assomigliasse al pane rozzo, la pagnotta tipica dei contadini dall’impasto giallo. Per questo motivo usò le uova per conferire lo stesso colore al dolce.

Sembra che il primo ad assaggiare il parrozzo, nel lontano 1919, fu Gabriele D’annunzio che ne rimase estasiato. Oggi viene preparato in qualsiasi momento dell’anno ed è amato in tutta Italia.

Come preparare il parrozzo abruzzese

Sciogliete il burro nel microonde. Lasciatelo riposare in modo che torni a temperatura ambiente. Versate le mandorle nel tritatutto (1) e aggiungete 40 grammi di zucchero semolato (2). Tritate finemente fino ad ottenere la farina di mandorle (3).

Separate i tuorli dagli albumi e montate gli albumi a neve ferma. In una seconda ciotola aggiungete 30 grammi di zucchero ai tuorli e lavorate con la frusta elettrica fino ad ottenere un composto spumoso e chiaro. Versate la farina di mandorle e amalgamate bene gli ingredienti (4). Unite il semolino e la farina e mescolate nuovamente (5). Versate il burro e mescolate per qualche minuto. Aggiungete gli albumi montati a neve e mescolate lentamente dal basso verso l’alto in modo che gli albumi non si smontino. Versate l’impasto pronto nello stampo (6), precedentemente imburrato e infarinato con il semolino.

Cuocete a 180° per circa 60 minuti. Sformate il parrozzo e lasciatelo raffreddare completamente su una gratella (7). Tritate finemente il cioccolato quando ha perso temperatura e scioglietelo. Versate il cioccolato fuso sul parrozzo e lasciate che si rapprenda completamente. Servitelo quando sarà raffreddato.

Consigli

  • A metà cottura abbiate cura di coprire il parrozzo con un foglio di alluminio. Altrimenti la base rischia di cuocersi eccessivamente.
  • Se non avete il semolone (grani più grossi del semolino) per infarinare lo stampo, potete utilizzare il pangrattato.
  • La copertura del cioccolato tende ad opacizzarsi quando si raffredda completamente, potete quindi preparare la copertura un’ora prima di servirlo in tavola, in questo modo servirete il parrozzo ancora lucido.
  • Se utilizzate le mandorle armelline, dovete lessarle per circa 5 minuti, lasciarle intiepidire e con due dita, come un pizzicotto, pinzare la pellicina esterna e sbucciarle. Lasciate che si asciughino completamente e solo dopo preparate la farina di mandorle.
  • Per un tocco in più al parrozzo grattugiate la scorza di un limone e aggiungetelo all’impasto.

Fonte: Parrozzo: la ricetta originale del dolce abruzzese

Ricette natalizie per decorare la casa: 5 piatti belli da vedere e buoni da mangiare

Ricette natalizie per decorare la casa: 5 piatti belli da vedere e buoni da mangiare

Il Natale è ormai alle porte e per vivere al meglio la magia delle feste bisogna cominciare ad addobbare la propria casa. Tra alberi di Natale, palline colorate, Santa Claus in miniatura e ghirlande appese al muro, tutto si tinge di bianco e di rosso, con qualche punta di dorato o di verde. Ci sono, tuttavia, anche tantissime decorazioni che, oltre che belle da vedere, sono anche buonissime da mangiare. Ecco, allora, cinque ricette originali, con le quali rendere ancora più speciale l’atmosfera delle feste natalizie, e che potrete realizzare facilmente insieme a tutta la famiglia. Basta un po’ di fantasia e lo spirito giusto e il gioco è fatto.

Candele di polenta e crema di Grana Padano DOP Riserva

Se volete davvero stupire i vostri ospiti con originali addobbi natalizi da mangiare, questa è la ricetta che fa per voi. Per preparare le candele e accendere il gusto, basta realizzare un po’ di polenta gialla e unirci Grana Padano DOP Riserva grattugiato in grande quantità. Riponete il tutto in stampi a forma di candele precedentemente imburrati. Una volta cotta, fate raffreddare la polenta ed estraetela con cura dagli stampi. Sistemate le candele così ottenute su di un piatto con una base di ragù. Intanto, preparate la crema mescolando insieme 200 grammi di Grana Padano DOP Riserva grattugiato, 500 grammi di latte intero, 50 grammi di farina 00 e 50 grammi di burro. Fatela scivolare, una volta pronta, sulle candele per simulare la cera che cola. Infilate, infine, delle comuni candeline da compleanno al centro di ogni candela di polenta, accendetele e portatele in tavola. Sarà un magia per i vostri occhi, oltre che per il vostro palato.

Alberelli di Natale di pasta sfoglia, prosciutto e Grana Padano DOP Riserva

Per tutti coloro che quest’anno hanno bisogno di novità e desiderano fare un albero di Natale diverso rispetto a quello tradizionale c’è la possibilità di realizzarne alcuni in miniatura di pasta sfoglia e servirli direttamente a tavola. Golosi e originali, i vostri alberelli saranno apprezzati da grandi e da bambini. Inoltre, la ricetta è veloce da preparare: basta prendere della pasta sfoglia rettangolare, che potrete realizzare con le vostre mani o acquistare già pronta al supermercato, stenderla sulla carta da forno e farcirla con prosciutto, crudo o cotto a seconda delle vostre esigenze, e 40 grammi di Grana Padano DOP Riserva. Tagliate a strisce, larghe circa 2 centimetri, la pasta sfoglia e sovrapponetele una alla volta dando loro la forma di un alberello di Natale, poi infilzatele in uno spiedino o stuzzicadenti. Fate cuocere in forno a 200 gradi per circa 15 minuti fino a quando non saranno dorati e servite come antipasto o come aperitivo.

Muffin salati con Grana Padano DOP Riserva

Date libero sfogo alla fantasia con i muffin salati al Grana Padano DOP Riserva, piccoli, morbidissimi e a dir poco irresistibili. Realizzarli è facile: mescolate in una terrina 80 grammi di burro fuso con 2 uova, un pizzico di sale e 100 grammi di Grana Padano DOP Riserva, versandoci di tanto in tanto del latte. Poi aggiungete a questo composto una bustina di lievito e 200 grammi di farina fino ad ottenere un impasto liscio. Versatelo negli stampi per muffin e cuocete in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 20 minuti. Sono buonissimi tiepidi e ottimi freddi, e potrete farcirli con verdure grigliate, formaggi e salumi. Insomma, date libero sfogo alla vostra creatività.

Olive in crosta di Grana Padano DOP Riserva

Avete presenti le palline da appendere all’albero di Natale? Preparatene anche da mangiare e in grande quantità per colpire i vostri ospiti. Le olive in crosta di Grana Padano DOP Riserva, croccanti fuori e morbide dentro, sono una ricetta velocissima da fare. Mescolate 100 grammi di farina con 50 grammi di Grana Padano DOP Riserva grattugiato, dell’acqua e 50 grammi di burro. Una volta ottenuto l’impasto, lasciatelo riposare per 10 minuti. A questo punto prendete le olive e arrotolate intorno a queste ultime il composto precedentemente realizzato formando delle palline. Friggetele in olio ben caldo e quando saranno dorate e croccanti servitele per uno spuntino originale.

Biscotti salati al Grana Padano DOP Riserva

I biscotti di Natale di pasta frolla sono un must delle feste. Tra angeli, stelle, pacchetti regalo, renne e casette, potete scegliere di realizzarli con le forme che più amate e che più si abbinano al resto delle decorazioni che avete scelto per la vostra casa. Sono ideali da servire in tavola durante un party ma anche splendidi da apprendere all’albero di Natale e perfetti da regalare ad amici e parenti golosi. Basta preparare la frolla mescolando 250 grammi di farina, 130 di burro, 80 di Grana Padano DOP Riserva grattugiato, due tuorli d’uovo e sale quanto basta. Versate il composto così ottenuto su una teglia precedentemente imburrata e tagliatelo con le formine che avete a disposizione. Infornate i vostri biscotti per 30 minuti a 180 gradi e, una volta che saranno dorati e croccanti, ricopriteli di glassa al Grana Padano DOP Riserva. Il gioco è fatto.

Fonte: Ricette natalizie per decorare la casa: 5 piatti belli da vedere e buoni da mangiare